Le nostre compagne di viaggio in questa avventura sono biciclette di un marchio italiano che ha segnato la storia del ciclismo nel mondo: Cinelli. La Bootleg Hobo rappresenta un buon connubio tra ciclocross e turismo, con telaio e forcella in acciaio, ruote e manubrio da corsa ma con una posizione più comoda per sopportare le tante ore di pedalata che accumuleremo giorno dopo giorno. Di seguito trovate maggiori dettagli sui componenti ed accessori che formano i nostri mezzi, le borse di Crosso in cui mettiamo tutte le nostre cose, e le parti di ricambio che speriamo di usare il meno possibile.


f12731776

clicca qui per vedere qualche foto

la lista completa del materiale relativo ai nostri mezzi di trasporto

Componentistica ed accessori

  • Telaio e forcella – acciaio Columbus Cromor a triplo spessore
  • Selle
  • Trasmissione
    • Guarnitura e movimento centrale – FSA Alpha Drive Trekking, corone da 26-36-48 denti e pedivella da 170 mm
    • Deragliatore anteriore – Shimano Sora
    • Deragliatore posteriore – Shimano Deore
    • Pacco pignoni – Shimano Nexave da 13 a 34 denti con 9 velocità
    • Comandi cambio – Shimano Dura Ace Bar End
  • Freni – Tektro Oryx Cantilever
  • Ruote
    • CerchiAmbrosio Keba 622-18,5C
    • Raggi – 36 raggi Alpine da 2 mm per cerchio
    • Copertoni – Vittoria Randonneur Trail 622-40
      cambiati posteriori con Schwalbe Marathon Mondial 622-37 dopo 6.500 km
    • Mozzo anteriore – Shimano Deore XT DH-T780 con Dinamo integrata
    • Mozzo posteriore – Shimano 105 FH-5700
  • Pedali – Wellgo, doppia faccia: normale e attacco SPD
  • Contachilometri – conta km e altimetro con filo VDO M4 WR
  • Coprimani – due paia di Bar Mitts, delle cover per le mani a protezione del freddo, vento e pioggia
  • Portapacchi
    • Posteriore – Tubus, Logo Classic
    • Anteriore – Tubus, Tara

Parti di ricambio ed attrezzi

  • 2 Pompette – PRO Performance 2-Way Minipumpe, ed una semplice acquistata a Erzurum, Turchia
  • 1 misuratore di pressioneTopeak SmartGauge D2, per sapere con esattezza la pressione dei pneumatici
  • 2 Multitool – Un Topeak Mini 18 ed un multitool Brooks England
  • Attrezzi – Una brucola, un cacciavite a stella, una pinza multitool cinese simil Leatherman, una chiave del 10-11, una chiave per Brooks, fascette da elettricista di varie misure, nastro isolante, vari tipi di colla e mastice
  • Manutenzione Trasmissione – Lubrificante catena, spazzolino da denti, stracci vari
  • Varie – A seconda delle necessità portiamo un numero indeterminato di: camere d’aria, copertoni, tip-top, catene, false maglie, cavi del cambio, cavi dei freni, pattini dei freni, raggi per le ruote ecc..


Borse

La capacità complessiva del set è pari a 142 litri.

  • Borse laterali
  • Borsette – Set di due Crosso Pocket 1L e due Crosso Pocket da 3L da agganciare alle borse laterali
  • Borsone posterioreCrosso Twist Bag 40L
  • Borsa per il manubrio – Ortlieb, Ultimate6 Black´n White


Di solito quando si parte per un viaggio è difficile scegliere l’abbigliamento da portare. Farà caldo, farà freddo, piove, c’è la neve.. Sono tante le variabili che determinano il bagaglio. Il nostro però è un viaggio di diversi anni e viaggiando in ogni condizione climatica possibile non abbiamo avuto scelta. Dobbiamo portare tutto! Qui sotto descriviamo dettagliatamente prima quello che c’è nelle borse di Daniele e poi in quelle di Simona.


DCIM104GOPRO

Foto dell'abbigliamento di Daniele

la lista completa del materiale di abbigliamento di Daniele

estate

  • 2 mutande – due slip tecnici Craft
  • 1 costume – slip per le calde spiagge tropicali
  • 4 paia di calze – due paia di calzini estivi e due paia di calzini intermedi
  • 6 t-shirt – una smanicata traforata, due traspiranti per pedalare, due di cotone, una polo
  • 2 maglie a manica lunga – una termica da utilizzare a pelle ed una di Ferrino da usare come strato intermedio
  • 2 pantaloni – un pantaloncino tecnico Millet, un pantalone estivo Ferrino con zip per diventare corto
  • 2 antivento – una giacca leggera WindStopper Ferrino, un gilet con interno pile Jack Wolfskin
  • 1 paio scarpe – 1 paio di scarpe trekking leggero della Millet in Goretex e suola Vibram
  • 1 paio infradito – 1 paio di sandali minimal Barefoot della Xeroshoes

inverno

  • 2 mutande – due boxer in Lana Merinos
  • 2 paia di calze – un paio di calze invernali La Sportiva e un paio di calze in Lana Merinos
  • 2 maglie termiche – una pesante UnderArmour, una in Lana Merinos
  • 2 pileuna giacchetta in PolarTec Ferrino ed un pile pesante per il tempo libero
  • 2 giacche termiche – una giacca in PrimaLoft Montura, un piumino Ferrino
  • 2 calzamaglie – una leggera ed una pesante in Lana Merinos
  • 1 pantalonepantalone invernale Ferrino
  • 4 scaldacollo – due versatili tipo Buff, uno scaldacollo Ferrino antivento ed uno in pile
  • 2 cappelli – uno in pile ed uno in lana di Ferrino
  • 1 passamontagnabalaclava Ferrino, calda e antivento, fondamentale nelle giornate gelide
  • 2 paia di guanti – un paio in pile Dolomite, ed i North Face Triclimate, con guantino interno
  • 1 mascherina da sci – 1 mascherina da sci antifog Uvex, per riparare gli occhi ed il viso dal vento
  • 1 paio scarponi – 1 paio di scarponi invernali imbottiti fake Columbia acquistati a Tbilisi

pioggia

IMG_5163 (1)

Foto dell'abbigliamento di Simona

la lista completa del materiale di abbigliamento di Simona

Estate

  • 4 mutande – semplici mutande in lycra
  • 1 costume – bikini per la prossima estate
  • 4 paia di calze – due paia di calzini estivi, due paia di calzini intermedi
  • 1 maglia termica – una leggera maniche corte Lana Merinos
  • 6 t-shirt – due canottiere, una maniche corte per pedalare, due di cotone, una camicia Halifax Short Sleeve Ferrino
  • 3 pantaloni – un pantaloncino corto in Jeans per pedalare, un pantalone lungo estivo North Face, un Jeans elasticizzato lungo per il tempo libero
  • 2 giacchette – una giacca leggera WindStopper Ferrino, una giacca leggera Quechua
  • 1 paio scarpe – 1 paio di scarpe trekking leggero della Salomon in Goretex e suola Vibram
  • 1 paio infradito – 1 paio di sandali minimal Barefoot della Xeroshoes

Inverno

  • 2 paia di calze – un paio di calze invernali da sci e un paio di calze in Lana Merinos
  • 2 calzamaglie – un leggins ed una pesante in Lana Merinos
  • 2 maglie termiche – una leggera maniche lunghe Colle, una pesante misto Lana Merinos North Face
  • 1 maglia tecnica – Una maglia tecnica maniche lunghe Ferrino Seehorn Anorak usata come primo o secondo strato
  • 1 pantalone – un pantalone tecnico Ferrino Pehoe
  • 2 giacche termiche – una giacca in PrimaLoft Ferrino, un piumino Ferrino
  • 2 copri collo – un buff leggero in lana merinos, un copri collo pesante Montura
  • 2 antivento viso1 Balaclava Ferrino, 1 mascherina Ferrino
  • 1 cappello – semplice cappellino di lana Ferrino per il tempo libero
  • 2 guanti – 1 guanto North Face Triclimate, completo di guantino interno, 1 vecchio guantino Black Diamond
  • 1 mascherina da sci – 1 mascherina da sci doppio vetro e antifog Uvex
  • 1 paio scarponi – 1 paio di scarponi invernali imbottiti fake Columbia acquistati a Tbilisi

Pioggia


A volte la scelta di un posto dove mettere la tenda è forzato dalle condizioni climatiche o di tempo, altre volte invece si sceglie un posto perché si vuole essere lì in quel momento e godere a pieno del luogo, del paesaggio, della natura. In pratica significa vivere la strada e per strada, significa costruire la propria casa ogni giorno in un posto diverso. Abbiamo scelto tenda e materiale da campeggio in base alle caratteristiche di durabilità e di capacità di resistere ad ogni clima.


clicca qui per vedere qualche foto

la descrizione completa della nostra casa

La Casa

  • 1 Tenda – Tenda Ferrino Emperor 2 posti, quattro stagioni
  • 2 Teli – Un telo di naylon spesso da mettere sotto la tenda per i terreni più ostici, un telo di naylon leggero per coprire le biciclette o estendere la capienza della tenda
  • 2 Sedioline – Due sedioline pieghevoli acquistate in Slovenia
  • 4 Lampade Frontali – Una ricaricabile usb della Decathlon, una Tikka Plus della Petzl, una cinese a torcia per illuminare lontano, una Black Diamond
  • Varie – Serie di cordini in Kevlar per riparazioni veloci, cordino per stendere i panni, mollette metalliche multiuso

Il Bagno

  • Carta Igenica e Salviettine – Di base portiamo sempre un rotolo a testa, in più abbiamo una confezione di salviettine umide per bambini, che a volte utilizziamo anche per pulire le stoviglie
  • Spazzolini e Dentifricio – Simona si ostina ad usare lo spazzolino elettrico, Daniele invece ha un semplice spazzolino al quale ha tagliato il manico per renderlo più corto e portarlo comodamente
  • Asciugamani – Abbiamo entrambi due asciugamani di microfibra, comodi e leggeri
  • 1 kit pronto soccorso – Un kit completo di materiale per il primo soccorso e vari medicinali
  • Varie – Forbicine, taglia unghie (mani e piedi), pinzette ed un pettine di legno al quale Simona è molto legata, sapone di marsiglia per il corpo ed i panni, shampoo due in uno

La Cucina

  • Fornello – Un fornello Omnifuel della Primus, utile in quanto brucia ogni tipo di combustibile, anche la benzina reperibile ovunque
  • Pentole – Un set di pentole capienza massima 2 lt, acquistate a Tbilisi
  • Stoviglie – Due set di posate per bambini (piccole e resistenti), una ciotolina per bambini, due tazze in alluminio Cinelli, due coltelli sardi “resolza”, un coltellino svizzero-cinese
  • Thermos – Due Thermos Ferrino da 1 lt utili sia per mantenere l’acqua fredda che calda
  • Filtro Acqua – Un filtro per l’acqua Katadyn Mini per avere sempre acqua pura


La Camera da letto

  • MaterassiniThermarest Neo Air All Season per Simona, Thermarest Prolite Plus per Daniele
  • 2 Sacchi letto estivi – Due sacchi letto in seta, ultraleggeri che ci permettono di dormire comodamente sul materassino anche quando fa molto caldo, utili anche per dormire negli ostelli
  • 2 Sacchi a pelo estivi – Due Sacchi a pelo estivi, comfort +15, Ferrino HL Micro, utili anche in inverno per mantenere il sacco di piuma asciutto nelle notti più umide
  • 2 Sacchi a pelo invernali – Due Sacchi a pelo in piuma, comfort -7, Ferrino HL Revolution 510 WTS


Sala Hobby

  • 3 palline – tre palline da giocoliere per intrattenere gatti e bambini
  • strumenti musicali – un’ocarina ed un’armonica
  • libri vari – Francesco Carletti “Ragionamenti del mio viaggio intorno al mondo” – Libricino per traduzioni illustrate “Point It”


Siamo dei Marco Polo del 2015 quindi anziché scrivere “Il Milione” al nostro ritorno, abbiamo deciso di condividere quanto viviamo tramite i social network ed il nostro sito. Per fare ciò abbiamo bisogno di strumenti che ci permettano di lavorare ovunque e che ci consentano di catturare momenti del nostro viaggio. Attrezzatura tecnologica ed il tentativo di realizzare l’autosufficienza energica del viaggiatore. Qui sotto c’è tutto l’elenco.


IMG_1833

clicca qui per vedere qualche foto

la descrizione completa dell'attrezzatura tecnologica

Attrezzatura

  • 1 Portatile – Apple MacBook Air 13”
  • 2 Smartphone – Un Samsung Galaxy Nexus, un LG G2
  • 1 Tablet – Asus Google Nexus 7 (2013) acquistato a Baku per evitare che Simona occupi il computer di Daniele
  • 1 Reflex – Corpo macchina Canon EOS 60D con due batterie
  • 1 Obiettivo e 3 Filtri – Canon 15-85 mm F/3,5-5,6 con filtri UV, ND 8x, Polarizzatore Circolare
  • 1 cavalletto treppiediManfrotto BeFree è il nostro fotografo personale
  • 1 GoPro – Hero 3+ silver, con vari accessori per attacco e due batterie
  • 1 Localizzatore satellitareDelorme inReach SE, con il quale comunicare la nostra posizione anche nel deserto
  • 1 Occhiali da vista – Un paio di occhiali da vista Emporio Armani, per permettere a Daniele di lavorare al computer senza diventare cieco (purtroppo la vecchiaia avanza)

Memorizzazione di massa

  • 4 Schede di memoria – Due SD SanDisk 32GB, due MicroSD 32GB
  • 2 Hard Disk – Due Hard Disk da 1 TB Western Digital My Passport
  • 2 Pennette USB – Una da 2GB, una Silicon Power da 16GB


Sufficienza Energetica

  • 1 Kit per energia SolareGoal Zero Sherpa 50 Solar Kit, comprende un pannello solare da 13W, un battery pack da 58Wh (11V, 5200mAh) capace di ricaricare anche il laptop, un invertitore a 220V per ricaricare anche dispositivi senza USB
  • 2 Power Bank – Una LimeFuel da 6000 mAh, l’unica che consente di essere ricaricata e di ricaricare contemporaneamente (molto comodo), ed una EBai da 9000 mAh
  • 2 convertitori USB per dinamo al mozzo – Un Sinewave Cycles Reactor integrato sulla serie sterzo della bici di Daniele, un Sinewave Cycles Revolution per la dinamo al mozzo di Simona


11 comments

  1. Reply

    Valter NIZI 24 febbraio 2015 at 10:12

    Pillole informative utilissime, grazie.
    Se potete trasmettere altre vostre esperienze potrebbero essere di aiuto nel caso riuscissi ad organizzare un mio piccolo tour.
    Buon proseguimento nel vs mitologico progetto.
    Con stima e simpatia, Valter (IZØRTQ)

    • Reply

      Simona Pergola 24 febbraio 2015 at 12:00

      Qualsiasi altra informazione chiedi pure, volentieri ti rispondiamo!

  2. Reply

    flavio nadiani 28 febbraio 2015 at 13:59

    salve mi chiamo Flavio Nadiani,
    più di 20 anni fa ho fondato in Benin la Maison dela Joie a Ouidah, casa-famiglia per orfani.
    Da circa 19 anni promuoviamo viaggi di turismo responsabile e volontariato in Benin e Togo.
    E infine da più di 20 anni pratico il triathlon con modesti risultati, ma arrivando sempre in fondo.
    Dopo aver promosso vari itinerari con successo e collaborato con le maggiori associazioni di Turismo Responsabile, vorrei realizzare il mio sogno, fare questa esperienza con un viaggio in bici.
    Posso fornire informazioni, itinerari, logistica, fare da guida come prima esperienza.
    Se la cosa vi interessa potete contattarmi.

    Questi i nostri riferimenti

    http://www.maisondelajoie.com

    http://africailturismoviaggi.myblog.it/

    cell. 3463168680

  3. Reply

    federico 22 marzo 2015 at 21:58

    ciao ma le borse posteriori sono da 52 e le anteriori da 35?

    • Reply

      becycling 27 marzo 2015 at 20:35

      Ciao Federico, hai ragione! Grazie per la segnalazione, ho corretto l’errore! 😉

  4. Reply

    ginello cimini 16 luglio 2015 at 13:37

    Ciao ragazzi, una domanda: le selle brooks sono ancora in buono stato? Hanno problemi con la pioggia?
    Abbiamo incontrato Matteo Tricarico al ritorno dopo 6 anni di pedalate in giro per il mondo, speriamo di incontrare pure voi al vostro ritorno in italia! Buone pedalate!!!

    • Reply

      Simona Pergola 1 agosto 2015 at 10:30

      Ciao Ginello! Le selle sono ancora in ottimo stato, nonostante pioggia, neve, gelo ed ora temperature sopra i 40°!

      • Reply

        ginello 27 agosto 2015 at 12:57

        Ciao ragazzi, grazie per la risposta sulla sella.

        Ne vostro viaggio nn usate un navigatore GPS? Usate lo smartphone? Se si, con quale sw di navigazione?

        Buona pedalata!!!

        • Reply

          Simona Pergola 30 agosto 2015 at 09:21

          Ciao Ginello,
          usiamo un’applicazione per Android che si chiama OsmAnd+ che utilizza le mappe off line di Open Street Map. Abbiamo provato diverse applicazioni off line, ma questa si è dimostrata la migliore.

  5. Reply

    Francesco 21 luglio 2016 at 10:41

    Ciao ragazzi, complimenti x l’iniziativa, davvero un bel itinerario , sali e scendi x i continenti e non lineare lungo un parallelo come spesso vedo in altre iniziative, bello anche l’obiettivo dei 7 passi da raggiungere in bici. Vi auguro buona continuazione di viaggio ad entrambi 😉
    Una precisazione: ma 50kg di attrezzatura è in tutto e compreso le bici? Grazie!

    • Reply

      DNL 23 luglio 2016 at 07:49

      Ciao Francesco, grazie per il tuo bel messaggio! Senza contare cibo e acqua sono 50kg tutto compreso, circa 35 di bagagli più 15 di bicicletta. Il peso di cibo e acqua è molto variabile, ma può raggiungere tranquillamente i 15-20 kg nei posti più remoti. A presto e continua a seguirci! Daniele e Simona

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *